Blog

Veicoli elettrici: la scelta della giusta modalità di ricarica

Veicoli elettrici: la scelta della giusta modalità di ricarica

Per Program Autonoleggio la consulenza sul noleggio a lungo termine è fondamentale per aiutare i Fleet Menager a selezionare le auto giusto per la propria flotta. Ecco 5 domande da rivolgere ai Fleet Manager per aiutarli a valutare la giusta modalità di elettrificazione della propria flotta.

RICARICA   Icona ricarica
1. Dove hai intenzione di ricaricare?
La scelta del cliente di ricaricare il proprio veicolo tramite colonnine di ricarica privata (casa, ufficio) o pubbliche (strade, parcheggi, stazioni ecc) influisce sulla fattibilità, convenienza e stima dei costi dell’investimento.

2. Quanti KW hai a disposizione a casa/ufficio?
La scelta di una semplice ricarica domestica oppure di una colonnina di ricarica veloce da posizionare in azienda deve essere valutata in base al piano elettrico a disposizione del cliente.

3. Quanti veicoli elettrici devi ricaricare?
Gestire uno o due veicoli oppure un’intera flotta è ben diverso! Fin da subito è necessario adottare insieme al proprio cliente una logica di medio/lungo periodo e valutare non solo quanti veicoli elettrici sono presenti in flotta adesso, ma anche quanti verranno introdotti in un prossimo futuro.

 

 


USO DEL VEICOLO   Icona auto elettrica

4. Qual è la potenza di ricarica massima dei propri veicoli?
È importante capire la capacità di assorbimento della batteria presente nelle vetture della propria flotta. Soltanto in questo modo potrà essere valutata una modalità di ricarica adeguata, che sfrutti al meglio l’investimento e il dispositivo di ricarica stesso.
La velocità di ricarica dipende dalla potenza KW della colonnina e dalla potenza massima accettata dal caricabatteria interno al veicolo: quando i due valori sono diversi, comanda sempre quello più basso.

5. Quanti Km percorri giornalmente e quanto tempo stai fermo?
Studiare insieme al Fleet Manager i Km percorsi giornalmente, le tratte e il tempo di stop dei veicoli è importante per valutare la giusta scelta di ricarica. Per esempio, se la ricarica viene effettuata durante le ore di permanenza in ufficio, non è necessario utilizzare una ricarica rapida con un picco dell’assorbimento elettrico in breve tempo, con il rischio di distacco del contatore, ma è sufficiente sfruttare una ricarica lenta.