TORNA A TUTTE LE NEWS

Come vengono riutilizzati gli Pneumatici Fuori Uso (PFU) in ottica di economia circolare?

Il granulo e polverino di gomma ricavato dagli pneumatici ormai giunti al termine della loro vita utile trova numerosi impieghi, per esempio nella realizzazione di pavimentazioni per aree gioco dei bambini, arredi urbani, superfici di campi sportivi, materiali per l’insonorizzazione acustica ecc.

Ma il polverino di gomma riciclata viene sempre più utilizzato anche per la pavimentazione stradale in aggiunta al bitume o al conglomerato bituminoso. In Italia, in regioni quali Emilia-Romagna, Toscana, Piemonte e Trentino-Alto Adige, sono già state realizzate strade con asfalto modificato con gomma riciclata ricavata dagli Pneumatici Fuori Uso, per un totale di oltre 670 km/corsia.

Considerando che sono circa 200 mila le tonnellate di Pneumatici Fuori Uso raccolte in media annualmente da Ecopneus – società senza scopo di lucro fondata dai principali produttori di pneumatici operanti in Italia (Pirelli, Bridgestone, Continental ecc), che si occupa del loro rintracciamento, raccolta, trattamento e recupero – si capisce come sia fondamentale trasformare lo scarto in risorsa, dati anche i molteplici vantaggi dal punto di vista delle prestazioni.

Minore manutenzione. La presenza di polverino di gomma di pneumatici fuori uso rende l’asfalto più elastico e, quindi, più resistente a rotture, crepe e fessurazioni. Ne consegue una minore necessità di manutenere il manto stradale, oltre a una riduzione dei costi e rischi legati ai cantieri. Test condotti su alcune strade italiane hanno rilevato come dopo 6 anni dalla realizzazione, la pavimentazione stradale presentava ancora una struttura perfetta, con una previsione di ulteriori 18 anni di vita utile senza interventi manutentivi significativi.

Maggiore silenziosità. Grazie al riciclo degli pneumatici si ottiene un asfalto fonoassorbente, che riduce mediamente di 3/5 dB l’inquinamento acustico causato dal transito dei veicoli, grave problema ambientale e causa di problemi di salute anche significativi (10.000 morti premature all’anno in Europa secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità). Questa soluzione risulta anche più economicamente conveniente rispetto all’installazione delle barriere acustiche, oltre che di minor impatto visivo.

Maggiore sicurezza stradale. L’asfalto realizzato con la gomma degli pneumatici usati presenta anche importanti vantaggi in ottica di sicurezza stradale. Innanzitutto, questo si rivela eccellente in termini di drenaggio in caso di pioggia, contenendo quindi il fenomeno dell’acquaplaning e riducendo gli effetti spray e splash, che ridurrebbero la visibilità. Inoltre, questo tipo di asfalto è caratterizzato da elevata aderenza e, dunque, garantisce una migliore tenuta in curva e una riduzione dello spazio di frenata.


Leggi anche: Program guida sicura con gli pneumatici Pirelli.